PNRR - Transizione Digitale D.M. 66

Avviso / Decreto

Formazione del personale scolastico per la transizione digitale nelle scuole statali (D.M. 66/2023)

Titolo

TRANSIZIONE DIGITALE ALL'ANTINORI

Descrizione

La transizione digitale del personale è divenuta un’esigenza imprescindibile anche nella scuola, un’organizzazione complessa che non può certo sottrarsi all’obiettivo dell’UE di avere entro il 2030 almeno l’80% dell’intera popolazione con competenze digitali di base. Inoltre, la scuola non deve fermarsi al raggiungimento del livello base delle competenze digitali, come richiesto ai normali cittadini, ma ha la responsabilità di sostenere azioni formative, grazie ai finanziamenti del PNRR, per indirizzare queste competenze nel settore dell’educazione. Attraverso il DigCompEdu (quadro di riferimento europeo per le competenze digitali dei docenti) gli Stati Membri dell’Unione Europea possono verificare il proprio livello di “competenza pedagogica digitale”. Il quadro prevede 6 aree di competenza che ciascun docente dovrebbe possedere ed è proprio in riferimento ad esse che l’Istituto Tecnico Antinori ha sviluppato questo progetto, dopo aver fatto una ricognizione dei fabbisogni formativi dei propri insegnanti. Le tematiche trattate nei percorsi riguarderanno il coinvolgimento e la valorizzazione professionale, le risorse digitali, le pratiche di insegnamento e apprendimento, la valutazione dell’apprendimento, la valorizzazione delle potenzialità degli studenti (anche per favorire una maggiore inclusione, la personalizzazione e il loro coinvolgimento attivo), lo sviluppo delle competenze digitali degli studenti, che dovranno essere aiutati nell'utilizzare creativo e responsabile delle tecnologie. Parallelamente a questi percorsi ne verranno proposti altri sulla digitalizzazione amministrativa della segreteria, inerenti quindi la gestione delle procedure organizzative, documentali, contabili, finanziarie, e pertanto rivolti al personale ATA. I percorsi formativi, sia quelli sulla didattica che quelli riguardanti l’organizzazione scolastica, saranno strutturati in due modi: interventi di tipo frontale (in presenza, online o in modalità mista), interventi di tipo laboratoriale (solo in presenza).